Niedda longa fig fruits (Ficus caricaL.) were dried by dehumidification. Fruits were divided in two different size groups, and dried for 120 h (A) or 96 h (B) in a room (8.5 m3), in which 30.5°C-32.0°C of temperature and 34-40% of relative humidity were held by a small dehumidifier (29 kg weight). The lots A and B reached respectively 79.3±0.88% and 69.6±4.74% of dry matter content, at the end of the process. Following drying, fruits were sprayed with a potassium sorbate solution, then film packaged in air or in modified atmosphere and transferred at 20 °C to simulate shelf life. Lot A fruits were the most similar for chemical composition to imported dried figs. However, neither lot A nor B substantially differed, after 3 months of shelf life, for external-total count of yeasts, moulds and bacteria from the purchased fruits. Thus, the combination between dehumidification and potassium-sorbate treatment may allow for safe dried figs to be obtained.Si riferisce su una prova di essiccazione per deumidificazione di frutti di fico (Ficus caricaL.) della cv "Niedda longa". I frutti, separati in due lotti differenti per il peso, venivano essiccati per 120 h (A) o 96 h (B), con un deumidificatore, di 29 kg di peso, che manteneva i valori di temperatura e di umidità relativa di un ambiente di 8,5 m3, rispettivamente tra 30,5°-32,0°C e 34-40%. I lotti A e B rispettivamente, al termine dell'essiccazione, avevano un contenuto di sostanza secca del 79,3±0,88% e del 69,6±4,74%. Alla fine i frutti venivano trattati con potassio sorbato, confezionati anche in regime di atmosfera modificata e conservati per 3 mesi a 20°C. Il lotto A era il più simile, per composizione chimica, ai fichi secchi d'importazione. Comunque, per quanto riguarda le conte di lieviti, muffe e batteri epifitici, entrmabi i lotti non presentavano differenze degne di nota, rispetto ai fichi d'importazione. Sembra pertanto che l'abbinamento tra deumidificazione e trattamento con potassio sorbato permetta di produrre fichi essiccati stabili nel tempo.

La Deumidificazione su piccola scala dei frutti di fico / Battacone, Gianni; Gambella, Filippo; Piga, Antonio; Agabbio, Mario Carlo Salvatore. - In: INDUSTRIE ALIMENTARI. - ISSN 0019-901X. - 36:9(1997), pp. 995-1000.

La Deumidificazione su piccola scala dei frutti di fico

Battacone, Gianni;Gambella, Filippo;Piga, Antonio;Milella, Giangiacomo;Vodret, Antonio;Farris, Giovanni Antonio;Agabbio, Mario Carlo Salvatore;
1997

Abstract

Niedda longa fig fruits (Ficus caricaL.) were dried by dehumidification. Fruits were divided in two different size groups, and dried for 120 h (A) or 96 h (B) in a room (8.5 m3), in which 30.5°C-32.0°C of temperature and 34-40% of relative humidity were held by a small dehumidifier (29 kg weight). The lots A and B reached respectively 79.3±0.88% and 69.6±4.74% of dry matter content, at the end of the process. Following drying, fruits were sprayed with a potassium sorbate solution, then film packaged in air or in modified atmosphere and transferred at 20 °C to simulate shelf life. Lot A fruits were the most similar for chemical composition to imported dried figs. However, neither lot A nor B substantially differed, after 3 months of shelf life, for external-total count of yeasts, moulds and bacteria from the purchased fruits. Thus, the combination between dehumidification and potassium-sorbate treatment may allow for safe dried figs to be obtained.Si riferisce su una prova di essiccazione per deumidificazione di frutti di fico (Ficus caricaL.) della cv "Niedda longa". I frutti, separati in due lotti differenti per il peso, venivano essiccati per 120 h (A) o 96 h (B), con un deumidificatore, di 29 kg di peso, che manteneva i valori di temperatura e di umidità relativa di un ambiente di 8,5 m3, rispettivamente tra 30,5°-32,0°C e 34-40%. I lotti A e B rispettivamente, al termine dell'essiccazione, avevano un contenuto di sostanza secca del 79,3±0,88% e del 69,6±4,74%. Alla fine i frutti venivano trattati con potassio sorbato, confezionati anche in regime di atmosfera modificata e conservati per 3 mesi a 20°C. Il lotto A era il più simile, per composizione chimica, ai fichi secchi d'importazione. Comunque, per quanto riguarda le conte di lieviti, muffe e batteri epifitici, entrmabi i lotti non presentavano differenze degne di nota, rispetto ai fichi d'importazione. Sembra pertanto che l'abbinamento tra deumidificazione e trattamento con potassio sorbato permetta di produrre fichi essiccati stabili nel tempo.
La Deumidificazione su piccola scala dei frutti di fico / Battacone, Gianni; Gambella, Filippo; Piga, Antonio; Agabbio, Mario Carlo Salvatore. - In: INDUSTRIE ALIMENTARI. - ISSN 0019-901X. - 36:9(1997), pp. 995-1000.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Papoff_C_Articolo_1997_Deumidificazione.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 522.2 kB
Formato Adobe PDF
522.2 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/265006
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact