Riforma del commercio, discrezionalità delle Regioni e continuità con il passato