Montale, Hemingway e la disperazione del silenzio