La semantica come «felix culpa» della poesia