Il “giustificato motivo” nello jus variandi, primi orientamenti dell’ABF