Il cittadino nella "rete" informatica: tutela penale e limiti del sistema