Susanna e il silenzio. L'interpretazione di Ambrogio