Captus a piratis: schiavitù di fatto?