Sul presupposto soggettivo del fallimento