normalizzazione, elusione ed interposizione: a quando un'"illuminata" giurisprudenza