Una «grande muraglia di libri fra me e i mongoli». Sulla biografia di Giaime Pintor