Non basta il riconoscimento costituzionale dei diritti delle opposizioni