La risonanza magnetica nucleare nella valutazione del degrado ossidativo delle sostanze grasse: nota II