Recensione della rivista “Europaea”