Tensioni non risolte nel nuovo diritto societario: una lettura romanistica