Il “popolo del morti” alle origini della democrazia repubblicana