Il partito democratico e il ”pluralismo comprensivo"