Ancora sullo stile dei «Sermoni» di Umiltà da Faenza. Nota sul «cursus»