Il contratto dominante e la noia del posto fisso