Tra oralità e scrittura: a proposito della lettera di Berezan