L'erosione dell'«Indice mobile» in Heidegger