Giuseppe Manno tra Restaurazione e riforme liberali