Sulle dediche di Giovanni Calfurnio a Marco Aurelio, umanista mecenate