La modernità degradata delle periferie: un'analisi di «Berlinguer ti voglio bene»