Il potere di esternazione del Capo dello Stato nella Seconda Repubblica