SUMMARY. Aim. To examine possible risk factors for the doctor to be killed by the patient in the clinical practice by examining a series of murders that involved physicians. Methods. This aim has been achieved through a retrospective review on clinical cases of doctors killed by patients within the period between 1988 and 2013, in Italy. Results. In this period 18 Italian doctors have been killed in the workplace, with a rate of 0.3/100,000. In 7 cases, the murder resulted in the context of doctor-dissatisfaction; in 7 cases the murder was committed by a psychiatric patient; 1 case in the context of a stalking; 3 cases occurred in a workplace which was not safe enough. Four categories of at-risk contexts have been identified. One category includes a murder in the context of a doctor-dissatisfaction, perceived by patient. The second category concerns murders committed by patients suffering from mental illness. A third category includes homicides in a workplace which is not safe. The last category comprises the murder in the context of stalking. Conclusions. These categories identify specific dangerous situations for physicians, in which are highlighted elements that have played a crucial role in the murder and for which special precautions are suggested preventive.

RIASSUNTO. Scopo. Esaminare una casistica di omicidi che ha coinvolto i medici per approfondire un eventuale rischio per il medico di essere ucciso dal paziente, nella pratica clinica. Metodi. Lo scopo è stato perseguito attraverso un esame retrospettivo sui medici uccisi in ambito professionale nel periodo compreso tra il 1988 e il 2013, in Italia. Risultati. In questo periodo in Italia 18 medici sono stati uccisi in ambito professionale, con un tasso di 0,3/100.000. In 7 casi l’omicidio è stato determinato da una forte conflittualità medico-paziente; in 7 casi l’omicidio è stato compiuto da un paziente psichiatrico; 1 caso di omicidio costituisce l’epilogo di un comportamento di stalking; 3 casi di omicidio si sono verificati in un luogo di lavoro non sufficientemente sicuro. Sono state individuate 4 categorie di situazioni a rischio. Una categoria comprende gli omicidi compiuti in un contesto di conflittualità medico-paziente. Una seconda categoria concerne omicidi compiuti da pazienti psichiatrici; una terza categoria include gli omicidi avvenuti in un luogo di lavoro non sicuro; un’ultima categoria l’omicidio nel contesto di stalking. Conclusioni. Si tratta di categorie che individuano delle situazioni pericolose per il medico, nelle quali vengono evidenziati gli elementi che hanno avuto un ruolo determinante nell’omicidio e per le quali vengono suggerite particolari precauzioni preventive.

L'omicidio del medico / Lorettu, Liliana; Falchi, L; Nivoli, Fl; Milia, P; Nivoli, G; Nivoli, Alessandra. - In: RIVISTA DI PSICHIATRIA. - ISSN 0035-6484. - 50:4(2015), pp. 175-180. [10.1708/2002.21646]

L'omicidio del medico

LORETTU, Liliana;NIVOLI, Alessandra
2015

Abstract

RIASSUNTO. Scopo. Esaminare una casistica di omicidi che ha coinvolto i medici per approfondire un eventuale rischio per il medico di essere ucciso dal paziente, nella pratica clinica. Metodi. Lo scopo è stato perseguito attraverso un esame retrospettivo sui medici uccisi in ambito professionale nel periodo compreso tra il 1988 e il 2013, in Italia. Risultati. In questo periodo in Italia 18 medici sono stati uccisi in ambito professionale, con un tasso di 0,3/100.000. In 7 casi l’omicidio è stato determinato da una forte conflittualità medico-paziente; in 7 casi l’omicidio è stato compiuto da un paziente psichiatrico; 1 caso di omicidio costituisce l’epilogo di un comportamento di stalking; 3 casi di omicidio si sono verificati in un luogo di lavoro non sufficientemente sicuro. Sono state individuate 4 categorie di situazioni a rischio. Una categoria comprende gli omicidi compiuti in un contesto di conflittualità medico-paziente. Una seconda categoria concerne omicidi compiuti da pazienti psichiatrici; una terza categoria include gli omicidi avvenuti in un luogo di lavoro non sicuro; un’ultima categoria l’omicidio nel contesto di stalking. Conclusioni. Si tratta di categorie che individuano delle situazioni pericolose per il medico, nelle quali vengono evidenziati gli elementi che hanno avuto un ruolo determinante nell’omicidio e per le quali vengono suggerite particolari precauzioni preventive.
SUMMARY. Aim. To examine possible risk factors for the doctor to be killed by the patient in the clinical practice by examining a series of murders that involved physicians. Methods. This aim has been achieved through a retrospective review on clinical cases of doctors killed by patients within the period between 1988 and 2013, in Italy. Results. In this period 18 Italian doctors have been killed in the workplace, with a rate of 0.3/100,000. In 7 cases, the murder resulted in the context of doctor-dissatisfaction; in 7 cases the murder was committed by a psychiatric patient; 1 case in the context of a stalking; 3 cases occurred in a workplace which was not safe enough. Four categories of at-risk contexts have been identified. One category includes a murder in the context of a doctor-dissatisfaction, perceived by patient. The second category concerns murders committed by patients suffering from mental illness. A third category includes homicides in a workplace which is not safe. The last category comprises the murder in the context of stalking. Conclusions. These categories identify specific dangerous situations for physicians, in which are highlighted elements that have played a crucial role in the murder and for which special precautions are suggested preventive.
L'omicidio del medico / Lorettu, Liliana; Falchi, L; Nivoli, Fl; Milia, P; Nivoli, G; Nivoli, Alessandra. - In: RIVISTA DI PSICHIATRIA. - ISSN 0035-6484. - 50:4(2015), pp. 175-180. [10.1708/2002.21646]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/59734
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 1
  • Scopus 4
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact