Il colloquio con il detenuto:aspetti antropologici