Fin dagli albori delle moderne scienze sociali e manageriali, diverse ricerche hanno sottolineato la rilevanza del settore sanitario, quale nodo centrale attorno al quale costruire società sicure, longeve e produttive. In particolare, negli ultimi decenni si è sviluppato un vivace dibattito relativo alla possibilità di un “miglior utilizzo delle risorse disponibili” e sono stati presentati vari contributi sull’utilizzo della “azienda sanitaria” (health corporation), quale strumento per l’ottimizzazio- ne delle risorse totali investite nel settore sanitario. È in tale quadro scientifico ed istituzionale che si colloca il presente lavoro, il cui scopo è quello di individuare gli elementi e le condizioni che possono costituire la base per migliorare la qualità del rapporto tra fornitori e utilizzatori dei servizi sanitari, senza che ciò si traduca in un aggravio delle spese per il sistema sanitario. In tale contesto, si utilizzerà il framework in cui è tipicamente inserito il capitale intellettuale per delineare tre aree principali connesse alle risorse immateriali utilizzabili da qualunque tipo di organiz- zazione per migliorare la qualità di quanto offerto: (i) capitale umano; (ii) capitale relazionale e (iii) capitale strutturale

Il ruolo del capitale intellettuale nel settore sanitario: prime riflessioni / Sorrentino, M.; Farina Briamonte, M.; Smarra, M.; Carusone, R.. - In: RIVISTA ELETTRONICA DI DIRITTO, ECONOMIA, MANAGEMENT. - ISSN 2039-4926. - 3:(2020), pp. 62-78.

Il ruolo del capitale intellettuale nel settore sanitario: prime riflessioni

Sorrentino M.;Farina Briamonte M.;
2020

Abstract

Fin dagli albori delle moderne scienze sociali e manageriali, diverse ricerche hanno sottolineato la rilevanza del settore sanitario, quale nodo centrale attorno al quale costruire società sicure, longeve e produttive. In particolare, negli ultimi decenni si è sviluppato un vivace dibattito relativo alla possibilità di un “miglior utilizzo delle risorse disponibili” e sono stati presentati vari contributi sull’utilizzo della “azienda sanitaria” (health corporation), quale strumento per l’ottimizzazio- ne delle risorse totali investite nel settore sanitario. È in tale quadro scientifico ed istituzionale che si colloca il presente lavoro, il cui scopo è quello di individuare gli elementi e le condizioni che possono costituire la base per migliorare la qualità del rapporto tra fornitori e utilizzatori dei servizi sanitari, senza che ciò si traduca in un aggravio delle spese per il sistema sanitario. In tale contesto, si utilizzerà il framework in cui è tipicamente inserito il capitale intellettuale per delineare tre aree principali connesse alle risorse immateriali utilizzabili da qualunque tipo di organiz- zazione per migliorare la qualità di quanto offerto: (i) capitale umano; (ii) capitale relazionale e (iii) capitale strutturale
Il ruolo del capitale intellettuale nel settore sanitario: prime riflessioni / Sorrentino, M.; Farina Briamonte, M.; Smarra, M.; Carusone, R.. - In: RIVISTA ELETTRONICA DI DIRITTO, ECONOMIA, MANAGEMENT. - ISSN 2039-4926. - 3:(2020), pp. 62-78.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/297044
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact