L’articolo propone una lettura e un’interpretazione del conflitto generazio-nale degli anni Sessanta usando la musica rock come principale fonte di indagine. In una posizione a metà tra prodotto di consumo di massa e prodotto culturale, la musi-ca pop del tempo ha contribuito in modo significativo a definire una delle narrazioni generazionali dei baby boomers, quella controculturale, che è diventata mito generazio-nale tanto forte da nascondere le altre narrazioni sviluppatesi parallelamente e anni-chilire quelle della generazione successiva. I testi dei brani, le correnti musicali, le sot-toculture giovanili che ne scaturiscono sono analizzate in uno scambio costante con il mondo dei giovani del tempo nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Vi possiamo leggere i cambiamenti rapidissimi che portano da un’estetica vuota di ogni contenuto, secondo i detrattori, all’impegno, alla volontà di emergere e di rompere gli schemi sociali e prima di tutto famigliari della prima metà del Novecento.

«She's leaving home, bye bye». Gli anni Sessanta, la musica, la nascita dei teenager e una nuova narrazione generazionale / Piseri, F. - In: RIVISTA DI STORIA DELL'EDUCAZIONE. - ISSN 2532-2818. - 7:(2020), pp. 31-40. [10.36253/rse-9392]

«She's leaving home, bye bye». Gli anni Sessanta, la musica, la nascita dei teenager e una nuova narrazione generazionale

PISERI F
2020

Abstract

L’articolo propone una lettura e un’interpretazione del conflitto generazio-nale degli anni Sessanta usando la musica rock come principale fonte di indagine. In una posizione a metà tra prodotto di consumo di massa e prodotto culturale, la musi-ca pop del tempo ha contribuito in modo significativo a definire una delle narrazioni generazionali dei baby boomers, quella controculturale, che è diventata mito generazio-nale tanto forte da nascondere le altre narrazioni sviluppatesi parallelamente e anni-chilire quelle della generazione successiva. I testi dei brani, le correnti musicali, le sot-toculture giovanili che ne scaturiscono sono analizzate in uno scambio costante con il mondo dei giovani del tempo nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Vi possiamo leggere i cambiamenti rapidissimi che portano da un’estetica vuota di ogni contenuto, secondo i detrattori, all’impegno, alla volontà di emergere e di rompere gli schemi sociali e prima di tutto famigliari della prima metà del Novecento.
«She's leaving home, bye bye». Gli anni Sessanta, la musica, la nascita dei teenager e una nuova narrazione generazionale / Piseri, F. - In: RIVISTA DI STORIA DELL'EDUCAZIONE. - ISSN 2532-2818. - 7:(2020), pp. 31-40. [10.36253/rse-9392]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/296283
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact