Il saggio affronta la questione della vendita del patrimonio pubblico del regno di Sardegna, una mi- sura adottata per fare fronte all’emergenza finanziaria della monarchia spagnola nel corso della Guerra dei trent’anni. Oltre alla cessione del monopolio dell’esportazione del grano a un cartello di mercanti liguri, si ricorre alla venalità degli uffici, dei titoli e dei beni demaniali, tra i quali spicca- no, per la loro redditività, gli impianti di pesca e di salagione del tonno.

Guerra e profitti. Il ceto mercantile sardo e la vendita dei beni demaniali negli anni trenta del XVII secolo / Mele, Giuseppe. - In: BOLLETTINO DI STUDI SARDI. - ISSN 2279-6908. - 14 (2021):(2021), pp. 83-108.

Guerra e profitti. Il ceto mercantile sardo e la vendita dei beni demaniali negli anni trenta del XVII secolo

Giuseppe Mele
2021

Abstract

Il saggio affronta la questione della vendita del patrimonio pubblico del regno di Sardegna, una mi- sura adottata per fare fronte all’emergenza finanziaria della monarchia spagnola nel corso della Guerra dei trent’anni. Oltre alla cessione del monopolio dell’esportazione del grano a un cartello di mercanti liguri, si ricorre alla venalità degli uffici, dei titoli e dei beni demaniali, tra i quali spicca- no, per la loro redditività, gli impianti di pesca e di salagione del tonno.
Guerra e profitti. Il ceto mercantile sardo e la vendita dei beni demaniali negli anni trenta del XVII secolo / Mele, Giuseppe. - In: BOLLETTINO DI STUDI SARDI. - ISSN 2279-6908. - 14 (2021):(2021), pp. 83-108.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/293260
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact