Favete, adeste aequo animo et rem cognoscite, ut pernoscatis ecquid spei sit relicuom, posthac quas faciet de integro comoedias, spectandae an exigendae sint vobis prius.Con queste parole Terenzio si rivolge all'instabile pubblico romano nel concludere il polemico prologo dell'Andria. Mentre invita gli spettatori ad un giudizio spassionato sulla sua opera, coglie l'occasione per lanciare l'ultimo strale. Infatti nel momento in cui preannuncia che comporrà commediede integro, lascia intendere che i suoi detrattori non sono capaci di fare altrettanto. La conclusione della polemica afferma contemporaneamente l'inconsistenza artistica delloscriberedei suoi avversari e la novità del suo teatro, nella piena coscienza della propria originalità.Ma che cosa si nasconde dietro queste affermazioni? Quale poetica, quali ricerche tecniche, quali battaglie culturali? A noi resta solo il traguardo di una strada che Terenzio dovette percorrere, come egli stesso ci lascia intravvedere dietro il conciso enunciato. Ripercorrere quella strada è appunto l'oggetto della presente ricerca. Sebbene il tema non sia nuovo per la critica filologica, appare comunque meritevole di ulteriore approfondimento per le problematiche che contiene e i suggestivi spiragli che apre sull'epoca degli Scipioni. Non si tratta tanto di scoprire in quale misura Terenzio sia stato autonomo nei confronti degli esemplari greci, quanto di capire per quale motivo egli ritenesse di aver raggiunto una propria originalità.

L'Originalità del teatro di Terenzio alla luce della nuova estetica e della politica del circolo scipionicoIn: SANDALION. - ISSN 0392-5099. - 1:1978(1978), pp. 73-121.

L'Originalità del teatro di Terenzio alla luce della nuova estetica e della politica del circolo scipionico

Cicu, Luciano
1978

Abstract

Favete, adeste aequo animo et rem cognoscite, ut pernoscatis ecquid spei sit relicuom, posthac quas faciet de integro comoedias, spectandae an exigendae sint vobis prius.Con queste parole Terenzio si rivolge all'instabile pubblico romano nel concludere il polemico prologo dell'Andria. Mentre invita gli spettatori ad un giudizio spassionato sulla sua opera, coglie l'occasione per lanciare l'ultimo strale. Infatti nel momento in cui preannuncia che comporrà commediede integro, lascia intendere che i suoi detrattori non sono capaci di fare altrettanto. La conclusione della polemica afferma contemporaneamente l'inconsistenza artistica delloscriberedei suoi avversari e la novità del suo teatro, nella piena coscienza della propria originalità.Ma che cosa si nasconde dietro queste affermazioni? Quale poetica, quali ricerche tecniche, quali battaglie culturali? A noi resta solo il traguardo di una strada che Terenzio dovette percorrere, come egli stesso ci lascia intravvedere dietro il conciso enunciato. Ripercorrere quella strada è appunto l'oggetto della presente ricerca. Sebbene il tema non sia nuovo per la critica filologica, appare comunque meritevole di ulteriore approfondimento per le problematiche che contiene e i suggestivi spiragli che apre sull'epoca degli Scipioni. Non si tratta tanto di scoprire in quale misura Terenzio sia stato autonomo nei confronti degli esemplari greci, quanto di capire per quale motivo egli ritenesse di aver raggiunto una propria originalità.
L'Originalità del teatro di Terenzio alla luce della nuova estetica e della politica del circolo scipionicoIn: SANDALION. - ISSN 0392-5099. - 1:1978(1978), pp. 73-121.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cicu_L_Originalità_del_teatro_di.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 2.67 MB
Formato Adobe PDF
2.67 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/263902
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact