Ogni percorso di ricerca scientifica, soprattutto se a lungo termine, com'è quello archeologico elaborato per il territorio del Comune di Sedilo, richiede momenti di riflessione critica non solo sulle metodologie utilizzate, sulla loro opportunità, validità ed efficacia, ma anche sui risultati concreti ottenuti, sul loro valore intrinseco e sulla loro incidenza nel progresso degli studi archeologici in generale e, particolarmente, nel settore preistorico.Gli otto volumi pubblicati nel quadro della ricerca costituiscono alcuni di tali momenti: la metodologia generale e quella specifica, i contenuti, le problematiche, le ipotesi conclusive potranno essere apprezzate, valutate da studiosi e, se si vuole, anche da comuni lettori e dibattute agevolmente, nelle sedi opportune, in una dialettica seria e costruttiva. L'avvio al dibattito non risponde soltanto a motivi di mera strategia scientifica, ma anche a ragioni di politica culturale, trattandosi di una ricerca archeologica finalizzata, sia pure a medio e lungo termine, allo sviluppo socio-economico della comunità sedilese "committente", in primo luogo, e delle comunità sarde, in generale.

Introduzione3.1:(1995), pp. 13-21.

Introduzione

Tanda, Giuseppa
1995

Abstract

Ogni percorso di ricerca scientifica, soprattutto se a lungo termine, com'è quello archeologico elaborato per il territorio del Comune di Sedilo, richiede momenti di riflessione critica non solo sulle metodologie utilizzate, sulla loro opportunità, validità ed efficacia, ma anche sui risultati concreti ottenuti, sul loro valore intrinseco e sulla loro incidenza nel progresso degli studi archeologici in generale e, particolarmente, nel settore preistorico.Gli otto volumi pubblicati nel quadro della ricerca costituiscono alcuni di tali momenti: la metodologia generale e quella specifica, i contenuti, le problematiche, le ipotesi conclusive potranno essere apprezzate, valutate da studiosi e, se si vuole, anche da comuni lettori e dibattute agevolmente, nelle sedi opportune, in una dialettica seria e costruttiva. L'avvio al dibattito non risponde soltanto a motivi di mera strategia scientifica, ma anche a ragioni di politica culturale, trattandosi di una ricerca archeologica finalizzata, sia pure a medio e lungo termine, allo sviluppo socio-economico della comunità sedilese "committente", in primo luogo, e delle comunità sarde, in generale.
Introduzione3.1:(1995), pp. 13-21.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tanda_G_Introduzione.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 638.35 kB
Formato Adobe PDF
638.35 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/263408
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact