According to a well-settled understanding of art. 1218 of the Civil Code, since the obligatory relationship is aimed at satisfying the creditor’s interest through the debtor’s performance, the harmful event arising from the non-performance (or from a not duly performed execution) should be directly attributed to the latter. Some authors differently affirm that evidence of the causal relation between non-performance and harm should be provided by the creditor. The recent case law of the Supreme Court puts causal relation as an element of the debtor’s liability, particularly in the context of professional liability: the consequence is that ascertaining the causal relation becomes in fact demanded to the expert evidence. The paper analysis the different theories on the allocation of the burden of proof between debtor and creditor, by assessing their consistency with the rules governing contractual liability.

Secondo una consolidata lettura dell’art. 1218 c.c., poiché  il rapporto obbligatorio consiste in una relazione tra debitore e creditore strumentale alla soddisfazione dell’interesse di quest’ultimo, tale rapporto soddisfa senz’altro le esigenze di imputazione dell’evento dannoso derivante dalla mancata o inesatta esecuzione della prestazione. Tuttavia, secondo alcune opinioni, nel giudizio volto ad accertare la derivazione del danno dall’inadempimento, la causalità  dovrebbe essere oggetto di dimostrazione da parte del creditore insoddisfatto, il quale, allora, è  tenuto a dare la prova del rapporto tra la condotta del debitore e la lesione dal primo subita. La causalità, in particolare, nelle c.d. obbligazioni di diligenza professionale viene fatta rientrare dalla più  recente giurisprudenza della Cassazione tra gli elementi costitutivi della responsabilità  debitoria, rendendosi necessario nella fase del merito l’accertamento della causalità  in concreto tramite l’indagine peritale. Il saggio si sofferma sulle varie ricostruzioni della distribuzione tra debitore e creditore degli oneri concernenti la prova del nesso causale, saggiandone la tenuta rispetto al dato normativo e alla coerenza del sistema.

La prova del nesso causale nella responsabilità  per inadempimento: prospettive dottrinali e soluzioni giurisprudenziali a confronto / Nonne, Luigi. - In: ARCHIVIO GIURIDICO SASSARESE. - ISSN 2785-034X. - XXV:2/2020(2020), pp. 141-177.

La prova del nesso causale nella responsabilità  per inadempimento: prospettive dottrinali e soluzioni giurisprudenziali a confronto

Luigi Nonne
2020

Abstract

Secondo una consolidata lettura dell’art. 1218 c.c., poiché  il rapporto obbligatorio consiste in una relazione tra debitore e creditore strumentale alla soddisfazione dell’interesse di quest’ultimo, tale rapporto soddisfa senz’altro le esigenze di imputazione dell’evento dannoso derivante dalla mancata o inesatta esecuzione della prestazione. Tuttavia, secondo alcune opinioni, nel giudizio volto ad accertare la derivazione del danno dall’inadempimento, la causalità  dovrebbe essere oggetto di dimostrazione da parte del creditore insoddisfatto, il quale, allora, è  tenuto a dare la prova del rapporto tra la condotta del debitore e la lesione dal primo subita. La causalità, in particolare, nelle c.d. obbligazioni di diligenza professionale viene fatta rientrare dalla più  recente giurisprudenza della Cassazione tra gli elementi costitutivi della responsabilità  debitoria, rendendosi necessario nella fase del merito l’accertamento della causalità  in concreto tramite l’indagine peritale. Il saggio si sofferma sulle varie ricostruzioni della distribuzione tra debitore e creditore degli oneri concernenti la prova del nesso causale, saggiandone la tenuta rispetto al dato normativo e alla coerenza del sistema.
According to a well-settled understanding of art. 1218 of the Civil Code, since the obligatory relationship is aimed at satisfying the creditor’s interest through the debtor’s performance, the harmful event arising from the non-performance (or from a not duly performed execution) should be directly attributed to the latter. Some authors differently affirm that evidence of the causal relation between non-performance and harm should be provided by the creditor. The recent case law of the Supreme Court puts causal relation as an element of the debtor’s liability, particularly in the context of professional liability: the consequence is that ascertaining the causal relation becomes in fact demanded to the expert evidence. The paper analysis the different theories on the allocation of the burden of proof between debtor and creditor, by assessing their consistency with the rules governing contractual liability.
La prova del nesso causale nella responsabilità  per inadempimento: prospettive dottrinali e soluzioni giurisprudenziali a confronto / Nonne, Luigi. - In: ARCHIVIO GIURIDICO SASSARESE. - ISSN 2785-034X. - XXV:2/2020(2020), pp. 141-177.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/257499
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact