Quando la vergogna diventa malattia: catabasi del ribelle dostoevskiano