Emilio Lussu, Gavino Ledda e la questione della lingua sarda