«Rex, quia potentissimus». Il re romano tra diritto e religione