Clausole “atipiche” e diversa qualificazione della società