Il «Coronavirus»: il miglior promoter dell’economia digitale?