Sulla presunta uniformità stilistica della narrativa italiana di oggi