Un interessante carteggio tra Enrico Tullio Liebman ed Eduardo J. Couture