Su due nomi equivoci in una lettera di Giambattista Marino