"La vita è facile a occhi chiusi": verità e post-verità