Cerami, lo scrittore senza aggettivi