The Water Framework Directive (WFD, 2000/60/EC) establishes a framework for the policy of surface waters (including inland, transitional and marine coastal ecosystems), with the objective of achieving a good environmental status for all waters at the latest by 2027. The procedure described by WFD to achieve the objective includes the use of indices based on Biological Quality Elements to assess the environmental status of aquatic ecosystems. The aim of this paper is to report an overview of the experience matured in Sardinia (Italy, Western Mediterranean Sea) in developing and testing phytoplank- ton-based (Mediterranean Phytoplankton Trophic Index, MedPTI; Multimetric Phytoplankton Index, MPI) and benthic diatoms-based (Eutrophication/Pollution Index-Diatom based, EPI-D; Navicula, Nitzschia, Surirella Index, NNS’) indi- ces in different categories of aquatic ecosystems (reservoirs, lagoons, watercourses). The results showed the importance of the availability of ecological data collected over long time scales for development and validation of biotic indices and the need for specific adaptations to the spatial and temporal scales. Sardinia presents peculiar climatic and hydrodynamic characteristics linked to insularity, and environmental conditions that require specific taxonomic lists. The reporting of species not previously found and the change of their relative importance over time, suggest the need for constant updating of the taxonomic lists. For Directive application, it would be necessary a continuous updating of the technical staff and a closer cooperation between scientific institutions, authorities and Regional Agencies.

La Direttiva Europea Quadro sulle Acque (WFD, 2000/60/CE) stabilisce il raggiungimento di uno stato ecologico buono in tutti i corpi idrici superficiali (acque interne, di transizione e marino-costiere) al più tardi entro il 2027, indicando l’uso di indici basati sulle diverse comunità biologiche nelle procedure per la valutazione dello stato ecologico. In questo lavoro viene riportata una sintesi delle esperienze finora maturate in Sardegna nello sviluppo e nella sperimentazione di indici basati sul fitoplancton (Mediterranean Phytoplankton Trophic Index, MedPTI; Multimetric Phytoplankton Index, MPI) e sulle diatomee bentoniche (Indice di Eutrofizzazione e/o Polluzione basato sulle Diatomee, EPI-D; Indice Navicula, Nitzschia, Surirella, NNS’) in diverse tipologie di ecosistemi acquatici (laghi artificiali, lagune e corsi d’acqua). I risultati ottenuti hanno dimostrato l’importanza della disponibilità di dati ecologici su lunghe scale temporali per lo sviluppo e la validazione degli indici. Inoltre, la loro applicazione, pur confermandone l’affidabilità nella valutazione dello stato di qualità dei corpi idrici indagati, ha evidenziato la necessità di specifici adattamenti su scala spaziale e temporale, come riportato anche in altre regioni italiane. La Sardegna presenta caratteristiche climatiche e idrodinamiche peculiari legate all’insularità, e condizioni ambientali per le quali si rendono necessarie liste tassonomiche specifiche. La segnalazione di specie precedentemente non rinvenute e i cambiamenti dell’importanza relativa delle diverse specie nel tempo, suggeri- scono la necessità di un costante aggiornamento delle liste tassonomiche. Nell’ambito dell’applicazione della Direttiva sarebbe auspicabile il continuo aggiornamento degli operatori e una maggiore collaborazione tra istituzioni scientifiche, Enti e Agenzie Regionali.

Applicazione di indici di qualità ambientale basati sulle microalghe in ecosistemi acquatici mediterranei di acque dolci e di transizione (Sardegna, Italia) / Bazzoni, A. M.; Lai, Giuseppina Grazia; Mariani, Maria Antonietta; Facca, C.; Padedda, Bachisio Mario; Sechi, Nicola; Lugliè, Antonella Gesuina Laura. - In: BIOLOGIA AMBIENTALE. - ISSN 1129-504X. - 31:1(2017), pp. 88-92.

Applicazione di indici di qualità ambientale basati sulle microalghe in ecosistemi acquatici mediterranei di acque dolci e di transizione (Sardegna, Italia).

LAI, Giuseppina Grazia;MARIANI, Maria Antonietta;PADEDDA, Bachisio Mario;SECHI, Nicola;LUGLIÈ, Antonella Gesuina Laura
2017

Abstract

La Direttiva Europea Quadro sulle Acque (WFD, 2000/60/CE) stabilisce il raggiungimento di uno stato ecologico buono in tutti i corpi idrici superficiali (acque interne, di transizione e marino-costiere) al più tardi entro il 2027, indicando l’uso di indici basati sulle diverse comunità biologiche nelle procedure per la valutazione dello stato ecologico. In questo lavoro viene riportata una sintesi delle esperienze finora maturate in Sardegna nello sviluppo e nella sperimentazione di indici basati sul fitoplancton (Mediterranean Phytoplankton Trophic Index, MedPTI; Multimetric Phytoplankton Index, MPI) e sulle diatomee bentoniche (Indice di Eutrofizzazione e/o Polluzione basato sulle Diatomee, EPI-D; Indice Navicula, Nitzschia, Surirella, NNS’) in diverse tipologie di ecosistemi acquatici (laghi artificiali, lagune e corsi d’acqua). I risultati ottenuti hanno dimostrato l’importanza della disponibilità di dati ecologici su lunghe scale temporali per lo sviluppo e la validazione degli indici. Inoltre, la loro applicazione, pur confermandone l’affidabilità nella valutazione dello stato di qualità dei corpi idrici indagati, ha evidenziato la necessità di specifici adattamenti su scala spaziale e temporale, come riportato anche in altre regioni italiane. La Sardegna presenta caratteristiche climatiche e idrodinamiche peculiari legate all’insularità, e condizioni ambientali per le quali si rendono necessarie liste tassonomiche specifiche. La segnalazione di specie precedentemente non rinvenute e i cambiamenti dell’importanza relativa delle diverse specie nel tempo, suggeri- scono la necessità di un costante aggiornamento delle liste tassonomiche. Nell’ambito dell’applicazione della Direttiva sarebbe auspicabile il continuo aggiornamento degli operatori e una maggiore collaborazione tra istituzioni scientifiche, Enti e Agenzie Regionali.
The Water Framework Directive (WFD, 2000/60/EC) establishes a framework for the policy of surface waters (including inland, transitional and marine coastal ecosystems), with the objective of achieving a good environmental status for all waters at the latest by 2027. The procedure described by WFD to achieve the objective includes the use of indices based on Biological Quality Elements to assess the environmental status of aquatic ecosystems. The aim of this paper is to report an overview of the experience matured in Sardinia (Italy, Western Mediterranean Sea) in developing and testing phytoplank- ton-based (Mediterranean Phytoplankton Trophic Index, MedPTI; Multimetric Phytoplankton Index, MPI) and benthic diatoms-based (Eutrophication/Pollution Index-Diatom based, EPI-D; Navicula, Nitzschia, Surirella Index, NNS’) indi- ces in different categories of aquatic ecosystems (reservoirs, lagoons, watercourses). The results showed the importance of the availability of ecological data collected over long time scales for development and validation of biotic indices and the need for specific adaptations to the spatial and temporal scales. Sardinia presents peculiar climatic and hydrodynamic characteristics linked to insularity, and environmental conditions that require specific taxonomic lists. The reporting of species not previously found and the change of their relative importance over time, suggest the need for constant updating of the taxonomic lists. For Directive application, it would be necessary a continuous updating of the technical staff and a closer cooperation between scientific institutions, authorities and Regional Agencies.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/179594
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact