Famiglia, formazione, occupazione: filiere “quasi deterministiche”