Ripensare 'la società dell’azione' e ricominciare a 'guardare il cielo': la montagna come 'contro-ambiente del sublime' in una inedita partitura urbana