Voce e scrittura del diritto. Per una giurisprudenza senza-legge