La legge di conversione: un nuovo tipo costituzionale?