Dal "distretto culturale" al distretto produttivo: l'esempio del sughero