Prefazione al libro di Alfredo Graziani "Fanterie sarde all'ombra del tricolore", un testo che merita forse una rivalutazione e un ripensamento interpretativo. Pubblicato dall'autore nel 1934 sotto lo pseudonimo di «Tenente Scopa», il suo conosciuto e autoironico nome di battaglia, ha contribuito forse inconsciamente alla costruzione di quel mito della Brigata che era andato formandosi sin dai mesi stessi della guerra, quando, dopo la battaglia delle Frasche e dei Razzi, per la prima volta il bollettino del Comando Supremo, violando una prassi consolidata, aveva citato il nome di una singola Brigata mettendo per di più l'accento sulla sua composizione regionale ("gli intrepidi sardi della Brigata Sassari...").

La Guerra del "Tenente Scopa"(1987), pp. 7-14.

La Guerra del "Tenente Scopa"

Fois, Giuseppa Carmela Rita
1987

Abstract

Prefazione al libro di Alfredo Graziani "Fanterie sarde all'ombra del tricolore", un testo che merita forse una rivalutazione e un ripensamento interpretativo. Pubblicato dall'autore nel 1934 sotto lo pseudonimo di «Tenente Scopa», il suo conosciuto e autoironico nome di battaglia, ha contribuito forse inconsciamente alla costruzione di quel mito della Brigata che era andato formandosi sin dai mesi stessi della guerra, quando, dopo la battaglia delle Frasche e dei Razzi, per la prima volta il bollettino del Comando Supremo, violando una prassi consolidata, aveva citato il nome di una singola Brigata mettendo per di più l'accento sulla sua composizione regionale ("gli intrepidi sardi della Brigata Sassari...").
La Guerra del "Tenente Scopa"(1987), pp. 7-14.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fois_G_Guerra_del_Tenente_Scopa.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 522.97 kB
Formato Adobe PDF
522.97 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/262253
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact